Il disastro Galaxy Note 7 costa a Samsung 1 miliardo di dollari

Samsung Galaxy Note 7

Un disastro in tutti i sensi. Fisico, d’immagine, e naturalmente anche economico. Ci stiamo ovviamente riferendo, come avrete con ogni probabilità capito voi stessi, a quanto è accaduto di recente per quel che riguarda il settore della telefonia mobile gestito dalla nota azienda tecnologica asiatica Samsung. Il Samsung Galaxy Note 7, phablet di sesta generazione, attesissimo soprattutto nel continente europeo, è stato infatti ritirato dal marcato a pochissimi giorni dal suo esordio ufficiale, a causa di un grave difetto che rischiava di causarne l’esplosione della batteria.

Samsung Galaxy Note 7L’esplosione stessa è effettivamente il danno “fisico” di cui parlavamo, visto che una simile eventualità rischia di ferire seriamente anche più persone. Il danno d’immagine, forse, è ancora più evidente: non sarà semplice per la compagnia asiatica riuscire a risollevarsi dopo un simile avvenimento, e men che meno sarà facile riconquistare la fiducia di una potenziale clientela demoralizzata da questo incidente.

Aspetti, questi, che inevitabilmente vanno a ripercuotersi anche sul settore economico. Il disastro del Samsung Galaxy Note 7, secondo le stime del noto sito Bloomberg, già così ha causato una perdita di quasi 1 miliardo di dollari nelle casse del colosso coreano. Ma non è tutto: secondo ulteriori analisi, infatti, dal punto di vista economico, il danno d’immagine sarebbe addirittura superiore, tanto che alcuni dicono che le casse di Samsung potrebbero subire perdite per 10 miliardi di dollari. Cifre davvero clamorose, se dovessero poi trovare conferme.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Samsung Galaxy S7 in offerta - Aggiornamento Galaxy
  2. Problema Galaxy Note 7, le strategie di Samsung - Aggiornamento Galaxy

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code
     
 

*