Ahi, esplode un Samsung Galaxy S6 Edge

Samsung Galaxy S6 Edge Plus

In questa bella vigilia di Natale, desideriamo ancora una volta porgervi i nostri migliori auguri affinché possiate trascorrere delle felici e gioiose giornate insieme ai vostri cari. Tornando invece a discutere del settore della telefonia mobile gestito dalla grande azienda tecnologica sudcoreana Samsung, dobbiamo sfortunatamente farci portatori di notizie non propriamente liete. Pare, infatti, che sia stato registrato un nuovo caso di esplosione di un device prodotto dal colosso asiatico: stavolta, si tratta di un Samsung Galaxy S6 Edge.

Samsung Galaxy S6 Edge PlusIl Samsung Galaxy S6 ed il Samsung Galaxy S6 Edge sono gli ex smartphone di top gamma del 2015. Pur non riscuotendo il successo che invece hanno registrato i loro successori, vale a dire il Samsung Galaxy S7 ed il Samsung Galaxy S7 Edge, si tratta comunque di dispositivi estremamente potenti e performanti, e che oggi è possibile trovare sul mercato a prezzi molto contenuti.

Tuttavia, come vi avevamo anticipato poc’anzi, è stato registrato un caso di esplosione, l’ennesimo, di una singola unità del Samsung Galaxy S6 Edge. Una questione scottante, nel vero senso della parola, poiché, come sicuramente ricorderete, nel corso degli ultimi mesi Samsung è finita nell’occhio del ciclone a seguito del clamoroso disastro del Samsung Galaxy Note 7: il phablet, infatti, a causa di un difetto strutturale, era inesorabilmente destinato all’esplosione, ed è infine stato ritirato dal mercato.

Un flop incredibile, che si è poi tradotto con una sfiducia crescente nei confronti del gigante coreano. E, adesso, questo nuovo caso, stavolta relativo ad un Samsung Galaxy S6 Edge. Il possessore dello smartphone in questione, che ha peraltro postato anche delle fotografie sui social, ha specificato che l’apparecchio non era in fase di ricarica, al momento dell’esplosione: semplicemente, era poggiato su un comodino, quando incredibilmente è saltato in aria.

Non si capisce bene a cosa sia dovuto questo danno, per quanto comunque Samsung si sia messa ad indagare. Se ne sapremo di più, vi forniremo gli aggiornamenti del caso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*