Samsung Galaxy S5 e Note 4, niente da fare per Nougat

Samsung Galaxy S5 Mini Lollipop

Quando anche questa settimana si appresta a concludersi, indirizzandoci verso la fine di questo mese di febbraio, l’argomento più caldo, per quel che concerne il settore della telefonia mobile gestito dal noto colosso tecnologico sudcoreano Samsung, è senza ombra di dubbio quello relativo al sistema operativo di Android Nougat, che sta ormai entrando di diritto nel microcosmo gestito dalla compagnia asiatica. Benché, come abbiamo già detto e ribadito più di una volta, la situazione in Italia tenda ancora a ristagnare, il settimo sistema di Android infatti sta iniziando a diffondersi sul Samsung Galaxy S7 e sul Samsung Galaxy S6 (insieme, chiaramente, alle relative varianti, che siano Active, Edge o Edge Plus). Rimane da capire quale sarà, invece, la situazione relativa agli altri device, come il Samsung Galaxy S5 ed il Samsung Galaxy Note 4. E la risposta, sfortunatamente, non è fra le più entusiasmanti. Andiamo a vedere.

Samsung Galaxy S5 Mini LollipopÈ notizia ufficiale di poche ore, infatti, che né il Samsung Galaxy S5, né il Samsung Galaxy Note 4, potranno abbracciare il tanto atteso sistema operativo di Android Nougat. La motivazione ad una simile decisione è da ricercare esclusivamente, a quanto sembra e a quanto viene rivelato, in problematiche prestazionali: i due terminali, infatti, sono stati testati a lungo dall’azienda coreana con Nougat, ma avrebbero fatto una fatica enorme a farlo girare. E, da qui, la decisione di lasciarli ad Android Marshmallow 6.0.1, presumibilmente l’ultima versione di un sistema operativo targato Android che i due device saranno in grado di supportare.

Insomma, se siete in possesso di un Samsung Galaxy S5 o di un Samsung Galaxy Note 4, potete iniziare a mettervi il cuore in pace, poiché nessuno dei due riceverà Android Nougat 7. Una notizia che certamente non farà piacere ai tanti utenti che, soprattutto qui in Italia, sono ancora in possesso di uno dei due top di gamma del 2014.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*