Samsung Galaxy S8 è facile da riparare?

Samsung Galaxy S8

Anche questa settimana inizia ormai a volgere verso la propria naturale conclusione, e noi, per quel che concerne il settore della telefonia mobile gestito dalla grande compagnia tecnologica sudcoreana Samsung, torniamo ancora una volta a discutere dell’argomento che ha catalizzato le nostre attenzioni, oltre a quelle dei maggiori esperti e appassionati del settore della telefonia mobile, per settimane. Ci stiamo riferendo, chiaramente, al Samsung Galaxy S8, prossimo smartphone di top gamma del colosso asiatico.

Samsung Galaxy S8Prontissimo per realizzare il proprio esordio presso i maggiori mercati internazionali, il Samsung Galaxy S8 è già stato sottoposto ad una grandissima serie di test dai tanti fortunati che hanno già avuto la fortuna di poterlo utilizzare per dei momenti di prova. Analogamente a quanto successo lo scorso anno con il Samsung Galaxy S7, che fece letteralmente sbizzarrire il web per via della sua impermeabilità, il Samsung Galaxy S8 ha dovuto patire un po’ di tutto. Ma a interessarci maggiormente, in questo senso, sono i test realizzati dal gruppo di iFixIt.

Questo gruppo si contraddistingue da anni poiché smonta totalmente i vari smartphone di cui entra in possesso, per vedere come i device sono fatti internamente. Con la conseguenza di comprendere, più o meno esattamente, quanto è complicato scomporre un particolare modello di apparecchio telefonico, e, di conseguenza, qual è il grado di difficoltà nel caso in cui si volesse sostituire un singolo componente in caso di guasto.

Da questo punto di vista, iFixIt ha reso noto che il Samsung Galaxy S8 non è affatto difficile da smontare, e anzi componenti come le batterie risultano piuttosto semplici da sostituire. La parte più complessa, senza ombra di dubbio, riguarda l’ormai chiacchieratissimo schermo, l’infinity display che, con le sue cornici laterali sottolissime, non è propriamente molto pratico da sostituire. Si tratta, ad ogni modo, di una notizia sicuramente positiva. Con la speranza, chiaramente, di non dover mai ricorrere a delle riparazioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*