Samsung Galaxy S e Note pronti alla fusione?

Samsung Galaxy S8

Se è vero che, soprattutto in un mercato frenetico e volubile come quello odierno, le grandi aziende tecnologiche versate nel settore della telefonia mobile cercano colpi sempre più a effetto per vincere la sfida a distanza con i rivali, ancor più vero è che la vera lotta è quella interna. Un processo particolarmente vivo all’interno di Samsung, fra i più grandi colossi che, in questi ultimi anni, hanno finito per rivoluzionare il campo degli smartphone. Proprio la compagnia sudcoreana, nel tentativo di migliorare sempre di più, starebbe pensando a delle mosse a dir poco clamorose, per diventare ancor più potente e performante. Indiscrezioni, peraltro, che traspaiono proprio in questo periodo di transizione tra luglio e agosto, con un dispositivo, il Samsung Galaxy Note 9, praticamente alle porte.

Samsung Galaxy S8Proprio la linea dei Samsung Galaxy Note potrebbe finire per estinguersi, o meglio, per fondersi, ottimizzando così la nicchia dei top di gamma e dei modelli economicamente più elevati. I phablet finirebbero per diventare un tutt’uno con i Samsung Galaxy S, dando vita ad un nuovo ibrido con peculiarità di altissimo livello.

D’altro canto, si può già quasi dire che i device della linea Note siano diventati dei doppioni di quelli della gamma S: le peculiarità tecniche sono pressoché identiche, con l’aggiunta di alcune funzionalità, qualche piccolo accorgimento estetico, e soprattutto l’integrazione della S-Pen. Proprio per queste differenze così sbiadite, spesso le vendite di questi dispositivi rimangono al di sotto della linea tracciata da Samsung, che da oramai diversi anni a questa parte sembra far sempre più fatica a tenere a galla i Samsung Galaxy Note.

La strada, insomma, pare essere tracciata: un matrimonio che s’ha da fare, in un mondo che sta diventando sempre più piccolo per tutti e due gli apparecchi. D’altro canto, avere un Samsung Galaxy S magari più costoso, ma dotato della S-Pen e di tutti i benefici che ne derivano, starebbe già allettando le papille degli appassionati e degli esperti del settore. Chi vivrà vedrà.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.