Samsung Galaxy Note 7, arrivano i guai legali

Samsung Galaxy Note 7

Nonostante la nota azienda tecnologica sudcoreana Samsung abbia cessato la produzione del Samsung Galaxy Note 7, difettoso phablet di sesta generazione, la parola fine a tutta la vicenda pare essere ancora molto lontana.

Samsung Galaxy Note 7Tutto è partito, lo sappiamo bene, dalla fine del mese di agosto: il Samsung Galaxy Note 7 è stato inizialmente messo in vendita presso alcuni paesi a livello internazionale, pronto per fare furore come già avevano fatto a partire da marzo il Samsung Galaxy S7 ed il Samsung Galaxy S7 Edge. La realtà poi è stata sfortunatamente ben diversa: in parecchie unità, il device è esploso, palesando dei gravi problemi che hanno portato a tutte le conseguenze che ormai conosciamo.

Il danno d’immagine per il colosso asiatico è stato pressoché incalcolabile, mentre a livello economico sono stati svariati i miliardi persi a causa di questa catastrofe. Tuttavia, la cosa non finisce qui. Difatti, tanto in Corea quanto negli Stati Uniti, si stanno organizzando alcuni veri e propri battaglioni di avvocati, che per conto di diversi manipoli di clienti starebbero intentando causa proprio a Samsung.

In Corea del Sud, infatti, lo studio Harvest Law ha annunciato un ricorso collettivo per conto di oltre 500 clienti (e il numero è in forte aumento), desiderosi di avere un risarcimento dalla compagnia tecnologica a seguito del disastro relativo al Samsung Galaxy Note 7. Le richieste parlano di una cifra di 500.000 won (poco più di 400 euro), più interessi, a testa. Una somma che potrebbe farsi particolarmente elevata, qualora dovessero aderire altre persone a questa campagna.

1 Trackback / Pingback

  1. Samsung Galaxy Note 7, un disastro dietro l’altro - Aggiornamento Galaxy

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code
     
 

*