Prosegue la campagna per il Samsung Galaxy S8

Samsung Galaxy S8

Iniziamo questa giornata ancora una volta all’insegna del Samsung Galaxy S8, prossimo smartphone di top gamma della grande compagnia tecnologica sudcoreana Samsung. Inutile nasconderci, il nuovo device dalle elevate prestazioni del colosso asiatico è sulla bocca dei maggiori esperti e addetti ai lavori del settore, e d’altronde non avrebbe potuto essere altrimenti. L’apparecchio, particolarmente atteso soprattutto a seguito del catastrofico tracollo patito sui mercati dal Samsung Galaxy Note 7, è ormai in procinto di esordire a livello internazionale.

E così, il Samsung Galaxy S8, presentato in via ufficiale soltanto un paio di settimane fa in quel di New York, è davvero vicinissimo al proprio debutto. E chiaramente, come ormai accade da diversi anni a questa parte, per l’occasione il gigante coreano sta iniziando a dar vita ad una massiccia campagna di marketing, atta a sponsorizzare al meglio questo incredibile smartphone. Anche noi, in questi giorni, abbiamo dato ampio risalto ai vari video e spot promozionali per la nuova ammiraglia targata Samsung. E anche oggi vogliamo mostrarvene uno parecchio aggressivo ed efficace sul piano della comunicazione.

In risalto, stavolta, viene messo decisamente il piano emozionale. In particolare, si punta sul fatto che le nuove generazioni potranno puntare su tecnologie decisamente all’avanguardia, molte delle quali sviluppate dalla stessa Samsung. Non a caso, nel video in questione, e che potete visionare di seguito, in sovraimpressione spuntano diversi motti e scritte a dir poco esplicative. Anzitutto, la frase “One generation’s impossibile, is the next one’s normal”. Ossia, “Ciò che per una generazione pareva impossibile, per un’altra sarà invece la normalità”. Non a caso, fra i vari spezzoni che vanno a comporre lo spot del Samsung Galaxy S8, troviamo aspetti come quello della realtà aumentata (possibile grazie ai visori), mentre si fa leva su tematiche che toccano particolarmente il pubblico, come i bambini, il mistero della nascita, la possibilità di tramandare suoni (il bambino che scalcia nella pancia della mamma) e immagini (l’aurora boreale) anche a tanti chilometri di distanza.

Infine, l’hashtag #DoWhatYouCant, ossia “Fai ciò che non puoi”, confezionato con il sottofondo musicale di Across The Universe dei Beatles (nella cover di Rufus Wainwright). Che altro dire? Buona visione, e buon divertimento!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*